Il Marketing Sanitario è quella forma di comunicazione che permette ai professionisti della salute come osteopati, ginecologi, fisioterapisti e odontotecnici di trovare online nuovi clienti.

Nel 2019 il 47% degli utenti Internet ha cercato informazioni su medici o altri professionisti sanitari (Fonte Pew Research), ma non solo, di tutti gli utenti di Internet, il 66% cerca online informazioni su uno specifico problema medico o malattia (Fonte).

Dati come questi ci portano a considerare il mondo del web come un’incredibile bacino di utenti per tutti coloro che si occupano di sanità. Che l’utente googli una professione sanitaria perché si è appena trasferito in una nuova città, oppure perché cerca un professionista specializzato nella sua patologia, il risultato sarà una lista di nomi di medici professionisti su Google.

Ora ti starai chiedendo come fare per comparire fra i risultati Google degli utenti che ti cercano. La risposta è composta da due semplici parole: Marketing Sanitario, anche noto come Marketing Medico o Healthcare Marketing.

Il Marketing Sanitario cambia volto alla pubblicità medica

Fino ai primi anni 2000 era impensabile un marketing specificatamente rivolto alla medicina online, ma oggi cliniche e liberi professionisti non possono restare esclusi dal mondo del web. Ciò, infatti, significherebbe perdere contatto con quel 47% di utenti che è in cerca di un medico online per le più svariate patologie.

Ecco allora i 6 punti essenziali che un professionista della salute non può trascurare nella sua strategia di marketing medico!

1. Ci sei sui social media?

E tu ci sei su Facebook? Questa domanda ormai assume un nuovo valore. Ai suoi albori, Facebook, sembrava un social nato esclusivamente per lo svago, ma oggi è utilizzatissimo da brand e professionisti per lavoro. La rete di Facebook infatti coinvolge moltissimi utenti, al punto che in media la presenza su questo social è di 2 ore al giorno. Non più solo i giovanissimi, la ripartizione delle persone con almeno un profilo di social media a partire dal 2016 vede diverse fasce d’età presenti online: età 18-29 – 90%, età 30-49 – 82%, età 50-64 – 69 %, età 65+ 40%. (Fonte PEW )

Un professionista medico non può esimersi dal creare una rete social su canali come Facebook, LinkedIn o Google My Business. Questo servirà ai tuoi pazienti per scoprire orari e comunicazioni in tempo reale, ma anche a nuovi clienti di scoprire i tuoi servizi in città!

2. Struttura un Marketing Sanitario sul tuo sito web

Il sito web è un po’ come la sala d’aspetto virtuale di un professionista. Sono necessarie solo 1-6 recensioni online per il 68% dei potenziali pazienti per formarsi un’opinione sulla tua pratica (Fonte RevLocal). Perciò capirai quanto è fondamentale che i tuoi clienti trovino sul tuo sito web recensioni positive riguardo la tua professionalità. Questo però può diventare impossibile se il tuo sito web non è ben posizionato su Google. Sarà essenziale quindi strutturare la tua sala d’attesa virtuale in modo da intercettare i clienti che cercano i tuoi servizi e quindi accoglierli con informazioni complete e rassicuranti. Per fare ciò è necessaria una strategia SEO ben sviluppata e articolata!

3. L’importanza del Blog Sanitario

La Legge di Bilancio 2018 ha messo al bando la pubblicità diretta da parte dei professionisti del settore sanitario. Per questa ragione nel 2020, la soluzione migliore per farsi trovare online è strutturare un blog in ottica SEO che risponda alle domande che più frequentemente i tuoi utenti fanno sulla tua professione medica.

Creando un blog in ottica SEO ti sarà semplice farti trovare da coloro che stanno cercando un professionista per una determinata patologia o problematica. Diventa fondamentale che gli articoli siano ottimizzati SEO, ovvero visibili agli occhi di Google e quindi ben posizionati. L’ideale è che per una data domanda dell’utente, il tuo contenuto sia visibile in prima pagina digitando esattamente la corretta richiesta su Google.

4. Ricorda ai tuoi clienti che ci sei!

Il 74% dei professionisti del marketing sanitario ha affermato che la posta elettronica è il canale di distribuzione più efficace per i nuovi contenuti (Fonte Twitter Blog ). Questo dato ci porta a parlare dell’importanza delle newsletter. Per un buon Marketing Medico sarà importante bussare alla porta dei tuoi clienti di tanto in tanto, come? Attraverso le newsletter via mail sarà semplicissimo. Potrai sempre condividere con la tua lista contatti le informazioni che pubblichi sul tuo blog oppure le novità che vuoi raccontare ai tuoi clienti.

5. Marketing Medico è anche pronta risposta

Inserisci una finestra di chat automatica all’interno del tuo sito web per permettere ai tuoi clienti di interagire velocemente con te. Potrai attivare Whatsapp per il business collegando la chat direttamente al tuo numero di lavoro.

In questo modo sarà molto semplice per chi approda sul tuo sito web farti domande o prenotare una visita direttamente tramite messaggio. La velocità nell’era del web 3.0 è ormai tutto, poiché i tuoi clienti si sono abituati all’immediatezza del prodotto e del servizio.

6. Realizza video per il tuo Marketing Sanitario

Anche la creazione di video è un trampolino di lancio per la tua comunicazione. Attraverso Youtube oggi è semplicissimo dare vita a video educativi semplici da diffondere nei social media. Perciò non lasciarti scappare questa occasione! Il montaggio dei video se affidato ad un’agenzia esperta renderà il tuo profilo importante per i tuoi clienti, che troveranno in te utili consigli.

Un video ha un effetto estremamente incisivo, perché composto da immagini e parole immediate che colpiscono la mente di chi ti segue e danno fiducia ai tuoi possibili futuri pazienti, in un settore in cui la fiducia è essenziale.

Vorresti un marketing sanitario che ti porti effettivamente nuovi pazienti?

La nostra agenzia web ha creato un pacchetto su misura per gli specialisti come te!

Scoprilo nella pagina dedicata al Marketing Sanitario!