Quanti hashtag usare su Instagram? Ogni quanto pubblicare? Cosa sappiamo dell’algoritmo Instagram? Speculazioni, notizie, falsi miti Instagram, ma dove sta la verità? Si tratta di un tema molto caldo dal momento che su Instagram il brand engagement è ben 10 volte superiore a quello su Facebook e 54 volte a quello di Pinterest. Tutti i brand che iniziano ad avere una gestione pagine social media cercano una buona visibilità per il loro target di pubblico, ma non sempre ciò che si legge su questo social media sono corrette.

Falsi miti di Instagram…Chi vede i miei post?

Tra i falsi miti di Instagram troviamo la credenza che l’algoritmo limiti la visibilità dei post al 7% dei followers. In seguito alla diffusione di questa fake news molti brand iniziarono a taggare utenti per tentare di ampliare la visibilità dei post. Tuttavia non c’è nessuna certezza riguardo questo dato. Sempre in merito alla visibilità dei post nei feed è importante dire che l’algoritmo di Instagram funziona diversamente da quello di Facebook e LinkedIn. Se su questi due social è meglio non eccedere con i contenuti, su Instagram questo problema non si pone. La frequenza di pubblicazione non influisce sulla visibilità del post, questa credenza è un vero e proprio falso mito!

Nel lontano 2010, alla nascita di Instagram, tutti i post nel feed comparivano nell’ordine di pubblicazione. Ora però il social media è cresciuto in maniera esponenziale, per questa ragione l’algoritmo a partire dal 2016 ordina i post in base all’interesse e alle interazioni dei contatti. Instagram, in buona sostanza, ha fatto in modo che gli amici e la famiglia di un utente avessero la precedenza anche sui post più popolari. Questo divenne un problema per le aziende in cerca di una nicchia di mercato su Instagram! Il nuovo concetto era semplice: più spesso un utente interagisce con i contenuti di un altro utente, più in alto Instagram inserisce i suoi post nei reciproci feed, privilegiando quindi amici e parenti.

Quanti hashtag uso su Instagram?

Se sei un’azienda e stai cercando di commercializzare i tuoi prodotti su Instagram per attirare l’attenzione dei tuoi followers dovrai abbandonare uno dei falsi miti Instagram: che basti pubblicare contenuti di successo ed elaborati per avere visibilità. Devi unirti all’algoritmo e costruire una buona reputazione e una grande fiducia nei tuoi followers. Ciò comporta anche l’apertura di chat con i tuoi followers. Non basta pubblicare contenuti accattivati, è essenziale l’interazione continua e genuina con gli utenti che vuoi intercettare.

Infine, uno degli aspetti forse più dibattuti del marketing Instagram è l’utilizzo del numero di hashtag. In particolare Instagram consente l’utilizzo di un massimo di 30 hashtag, ma alcuni sostengono che l’utilizzo di tutti gli # disponibili venga considerato spam da Instagram. In realtà il social media ci dà disposizione di quegli hashtag per permetterci di usarli, anzi è consigliato usarne perché il principio di questo social media – come di tutti i nuovi media – è quello della condivisione globale.