Hai sentito parlare di Google Play Services e ora ti stai chiedendo a cosa serve? Sei nel posto giusto, in questo articolo ti parleremo proprio di che cos’è Google Play Services e a cosa serve.

Cos’è Google Play Services?

Google  Play Services è un’applicazione presente su tutti i cellulari Android, si tratta di un’applicazione preinstallata, ovvero già presente quando acquistiamo il nostro telefonino. L’app è creata da Google per permettere a tutti gli sviluppatori di app di utilizzare i servizi Google all’interno delle proprie applicazioni. Google Play service permette al nostro Android di collegarsi alle sue applicazioni e allo stesso tempo con i servizi online di Google. Google Play Services è essenzialmente un’API (Application Programming Interface) che permette agli sviluppatori di implementare la comunicazione tra le app.

A cosa serve Google Play Services?

Google Play Services serve a:

  • Tenere monitorate e aggiornate le app.
  • Inviare statistiche a Google per implementare i suoi prodotti.
  • Identificarci nelle app con il nostro account Google.
  • Aggiungere nuove funzioni all’interno dei giochi.
  • Effettuare controlli di security.
  • Attivare ricerche in Google dall’interno delle app o altri strumenti come Maps.
  • Comunicare con dispositivi vicini.
  • Interagire con dispositivi Google Cast.
  • Abilitare il funzionamento di Google Drive.
  • Offrire supporto per i servizi a pagamento di Google e per dispositivi Android Wear.

In definitiva si tratta di uno strumento utilizzato spessissimo. Infatti serve per gestire in modo corretto gli aggiornamenti e semplificare gli aggiornamenti provenienti da molteplici app sul sistema Android. Ecco alcuni casi in cui ti può essere capitato di essere agevolato da Google Play Service:

  • Google Mobile Ads: Google Mobile Ads viene utilizzato per integrare annunci pubblicitari in applicazioni e visualizzare annunci intelligenti come quelli basati sulla posizione o sulla cronologia di navigazione. È così che migliaia di sviluppatori di app monetizzano la loro app.
  • API di Google Maps: questa API consente ad altre applicazioni di accedere a Google Maps senza uscire dall’app. Se hai utilizzato un’app per prenotare un taxi o raggiungere un hotel prenotato, devi aver utilizzato questo servizio.
  • API di posizione: l’ API di posizione può essere utilizzata per eseguire azioni automatiche quando un utente entra o esce da un confine geografico specifico. Provider di posizione fusa significa ridurre il consumo di energia durante l’utilizzo dei servizi di localizzazione.
  • API di Google Drive: se hai installato Google Drive sul tuo dispositivo, la condivisione e l’archiviazione di file da altre app è più semplice con questa API.
  • Servizi di giochi di Google Play: questi servizi vengono utilizzati per creare un’esperienza più competitiva e coinvolgente nelle sessioni di gioco multiplayer attraverso classifiche e risultati. Inoltre, l’  API dei giochi salvati  ti assicura di non perdere i tuoi progressi in un gioco sincronizzando e salvando i tuoi dati di gioco.
  • Piattaforma Google+: devi aver trovato app che ti forniscono l’opzione di accesso “Accedi con Google+”. Questo servizio ti consente di utilizzare un unico nome utente e password per accedere a più account su più app.
  • API Android Google Cast: consente alle applicazioni Android di trasmettere contenuti sullo schermo ad altri dispositivi tramite Google Cast.

Si può disinstallare Google Play Services?

Molte app si affidano a Google Play Services per accedere alle API di Google per funzionalità aggiuntive. Poiché la maggior parte delle app del Play Store si basa su questi servizi, la disabilitazione o la disinstallazione di Google Play Services potrebbe causare l’interruzione di tali app. Inoltre, Google Apps non funzionerebbe.

Insomma, disinstallare Google Play Services non è un’ottima idea, poiché vi trovereste ad avere alcune applicazioni non più funzionanti o limitate.