La pubblicità attraverso la storia, dal 1472 ad oggi

Quante cose sono cambiate nel corso della storia? Moltissime, ma forse ciò che è cambiato più di tutto è il modo di comunicare. Nel corso del secolo scorso sono stati moltissimi i cambiamenti nella comunicazione, al punto che ne ha risentito anche la nostra soglia dell’attenzione. Se all’inizio degli anni ’90 la nostra soglia di attenzione era di 11 secondi, oggigiorno si è ridotta fino a 7 secondi, inferiore addirittura a quella di un pesce rosso. Il motivo? Siamo bombardati di informazioni costantemente e quotidianamente. La pubblicità influisce senza ombra di dubbio in questo, dal momento che si tratta di un’informazione che ci colpisce costantemente e che nel corso della storia ha avuto importanti cambiamenti.

Cos’è una campagna pubblicitaria?

Partiamo da un’importante definizione: cos’è una campagna pubblicitaria? Una campagna pubblicitaria è un insieme di annunci che hanno un tono di voce e un messaggio unificati. Una campagna è differente dal singolo annuncio pubblicitario in quanto ripete il messaggio su diversi mezzi e canali per un periodo di tempo tale per cui il messaggio entri nell’immaginario comune, ma allo stesso tempo non diventi stantio.

L’evoluzione della pubblicità

Pubblicità stampata

La prima pubblicità stampata fu pubblicata in Inghilterra nel 1472, secondo Infolinks . Da quel momento su giornali, riviste, opuscoli, cartelloni pubblicitari, volantini iniziò a diffondersi la pubblicità propriamente detta. All’epoca c’erano sicuramente meno tecniche di marketing, ma le antiche pubblicità non erano poi così differenti dal classico outbound marketing che ritroviamo ancor oggi sui giornali.

Pubblicità radiofonica

La pubblicità radiofonica vede i suoi albori negli anni Venti, epoca in cui vennero lanciate le prime stazioni radio commerciali negli Stati Uniti. La pubblicità in radio comparve in particolare in Italia per la prima volta il 9 aprile del 1926, in quell’anno venne fondata la SIPRA (Società Italiana Pubblicità Radiofonica Anonima) e dall’ottobre 1926 la pubblicità cominciò ad essere trasmessa ufficialmente via radio, tramite brevi intervalli fra i diversi programmi radiofonici.

Tra le pubblicità radio famose nella storia ci fu nel 1936 quella della Buitoni-Perugina inserita nel programma radiofonico “I quattro moschettieri”, durante la pubblicità gli ascoltatori venivano invitati a ricercare le figurine all’interno dei dolciumi che avrebbero permesso di vincere grandi premi, fra cui la celebre e storica Fiat topolino.

Pubblicità televisiva

Gli annunci televisivi sono nati negli anni ’40. In particolare il primissimo spot televisivo della storia risale al 1941: negli USA venne trasmessa la prima pubblicità della storia, quella di un orologio Bulova. Lo spot durava solamente 10 secondi. Di seguito potete visionare la pubblicità completa:

Nella televisione italiana la pubblicità arriva in data 3 febbraio 1957, quando le vennero dedicati 10 minuti di trasmissione prima del classico Carosello.

Pubblicità su Internet

La pubblicità su Internet ha iniziato la sua storia a metà degli anni ’90 con l’arrivo di annunci “banner” ideati da agenzie di comunicazione. Oggigiorno la pubblicità è soprattutto sul web. Il primo banner pubblicitario propriamente detto, contenente immagini e simile a quelli che ancora oggi vediamo risale al 1994. Comparve sul sito HotWired.com e aveva un claim molto diretto, con una forte CTA: “Hai mai cliccato con il tuo mouse proprio qui? Lo farai”.

storia della pubblicità

Categorie

Archivio

Su di noi

Siamo un'agenzia di web marketing che si occupa di creazione siti web, e-commerce, social media marketing e SEO. Contattaci per avere una consulenza gratuita!

Preventivo Gratuito

Offriamo servizi SEO professionali che aiutano i siti web ad aumentare drasticamente il loro traffico di ricerca organica rendendoli in evidenza nelle prime posizioni anche quando si tratta di parole chiave altamente competitive.

Altri articoli  del blog

Vedi tutte le news